Sito internet: www.serviziocivile.it  -  Numero ripartito: 848800715

L’UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE – UNSC cura l’organizzazione, l’attuazione e lo svolgimento, nonché la programmazione, l’indirizzo, il coordinamento ed il controllo del Servizio civile nazionale, elaborando le direttive ed individuando gli obiettivi degli interventi per il servizio civile.
L’UNSC è stato istituito nell’ambito della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la Legge 8 luglio 1998 n° 230 per curare l’organizzazione, l’attuazione e lo svolgimento del Servizio civile degli obiettori di coscienza.

U.N.S.C. Ufficio nazionale per il servizio civile via San Martino della Battaglia 600185 Roma U.R.P. – Ufficio relazioni con il pubblico Call center: tel. 848-800715 – orari di ricevimento: tutti i giorni: 9.30-12.30 e 14.30-16.30 martedì e venerdì solo al mattino sabato chiuso

Che cos’è il Servizio Civile Nazionale?

(Tratto dal sito Internet: www.padovanet.it)

Con l’approvazione della legge n. 64 del 6 marzo 2001 – “Istituzione del Servizio Civile Nazionale” le possibilità di prestare servizio civile sono radicalmente cambiate.Questa legge, infatti, estende anche alle ragazze la possibilità di accedere al servizio civile e, soprattutto, introduce il carattere di volontarietà allo stesso.Il servizio civile è anzitutto un’esperienza umana di solidarietà e di servizio alla comunità, secondo i principi contenuti nella costituzione.Grazie alla possibilità di acquisire conoscenze e competenze pratiche, esso è anche un’occasione di crescita personale e di formazione: durante l’anno di servizio civile si ha la possibilità di imparare molto e di misurare le proprie capacità per realizzare qualcosa di utile per sé e per gli altri.

Le attività

Le attività possono riguardare molteplici ambiti. A titolo puramente esemplificativo si possono raggruppare in:
· attività assistenziali (cura e riabilitazione, reinserimento sociale, assistenza e prevenzione, ecc.);
· attività legate all’ambiente e alla protezione civile (difesa ecologica, tutela, incremento e fruizione del patrimonio forestale, protezione civile, ecc.);
· attività culturali ed educative (promozione culturale, educazione, salvaguardia del patrimonio artistico, ecc.).

Chi può svolgere il servizio civile nazionale?

Possono partecipare alle selezioni le ragazze e i ragazzi (solo se dichiarati inabili alla leva in sede di visita militare) che alla data di scadenza del bando:
· abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età;
· siano in possesso della cittadinanza italiana;
· godano dei diritti civili e politici;
· non siano state condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l’appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata;
· siano in possesso di idoneità fisica, certificata dagli organi del servizio sanitario nazionale, con riferimento allo specifico settore d’impiego per cui intendono concorrere.
I requisiti di partecipazione, ad eccezione dei limiti di età, dovranno essere mantenuti sino al termine del servizio.
Nota: dal 1° gennaio 2005 il limite di età è stato innalzato a 28 anni per tutti e in seguito alla sospensione della leva obbligatoria, possono quindi accedere al servizio civile nazionale tutti i ragazzi e le ragazze di età compresa tra i 18 e i 28 anni non ancora compiuti alla data di chiusura del bando di selezione.

Cosa offre il Servizio Civile Nazionale?

Lo svolgimento del servizio comporta il diritto ad avere:
· un assegno mensile di servizio pari a 433,82 euro (al quale va tolta la ritenuta del 18% nel caso in cui si percepiscano anche altri redditi che sommati al totale degli assegni di servizio portino il reddito annuo oltre i 7.500 euro circa);
· la copertura assicurativa con apposita convenzione stipulata dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile;
· un percorso formativo generale di almeno 25 ore al quale si deve accompagnare anche una fase di formazione specifica con contenuti attinenti al singolo progetto scelto;
Nota: dal 1° gennaio 2005 le ore di formazione generale sono almeno 30 e quelle di formazione specifica almeno 50 come previsto dal Dlg 77/02.
· il riconoscimento del periodo di servizio civile per l’inquadramento economico e il calcolo dell’anzianità lavorativa ai fini del trattamento previdenziale nel settore pubblico e privato;
· l’attestato di riconoscimento dell’esperienza rilasciato dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.
Inoltre, a seconda degli specifici progetti, possono essere previsti ulteriori benefit, fra i quali il riconoscimento dei crediti formativi universitari. A tal proposito, i progetti del Comune di Padova consentono di ottenere crediti formativi agli studenti della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Padova e sono in corso accordi anche con altre Facoltà per estendere l’opportunità di tali riconoscimenti.

Nella home page del sito www.serviziocivile.it vi sono 2 sezioni riguardanti l’area volontari e l’area enti volontari.

Perché scegliere il servizio civile volontario?

Il Servizio civile nazionale è finalizzato a:
· concorrere, in alternativa al servizio militare obbligatorio, alla difesa della Patria con mezzi ed attività non militari;
· favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale;
· promuovere la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona ed alla educazione alla pace fra i popoli;
· partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, con particolare riguardo ai settori ambientale, anche sotto l’aspetto dell’agricoltura in zona di montagna, forestale, storico – artistico, culturale e della protezione civile; ·contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani mediante attività svolte anche in enti ed amministrazioni operanti all’estero.
I volontari che prestano servizio civile aderiscono a progetti di impiego specifici predisposti da enti ed organizzazioni, pubblici e privati, che, tenendo conto del fine istitutivo del Servizio civile nazionale sopra citato, prevedono attività riconducibili a quattro ambiti omogenei di intervento:
· assistenza (settori: assistenza, cura e riabilitazione, reinserimento sociale e prevenzione),
· ambiente e protezione civile (settori: protezione civile, difesa ecologica, tutela ed incremento del patrimonio forestale, salvaguardia e fruizione del patrimonio forestale),
· cultura ed educazione (settori: promozione culturale, educazione, salvaguardia del patrimonio artistico),
estero (settori: formazione in materia di commercio internazionale, cooperazione decentrata, interventi post
· conflitti, interventi peacekeeping, cooperazione ai sensi della Legge 49/1987).

Come fare per i ragazzi riformati per inabilità al servizio militare e le ragazze di età compresa tra i 18 e 28 anni interessati al servizio civile volontario?

Devono presentare, entro la data di scadenza prevista dal bando,la domanda di partecipazione ad un solo progetto tra quelli elencati nell’allegato 1 al bando.

Come si arriva alla scelta del progetto?

I progetti d’impiego dei volontari sono predisposti dagli enti pubblici e dalle organizzazioni del Terzo Settore. Tali progetti vengono presentati all’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile che li esamina e li approva.La domanda di partecipazione, in carta semplice (redatta secondo il modello allegato 2 del bando), deve contenere l’indicazione del progetto prescelto e va indirizzata all’Ente che ha proposto il progetto corredata, ove possibile, di titoli di studio, titoli professionali, documenti attestanti esperienze lavorative svolte.E’ ammessa la presentazione di una sola domanda per bando.Il modulo di domanda può essere scaricato dalla sezione “Modulistica”; i progetti possono essere consultati alla sezione “Scegli il tuo progetto”.L’Ente, dopo aver selezionato i candidati, comunica la relativa graduatoria provvisoria all’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile che provvede alla verifica ed alla approvazione della stessa. L’UNSC con proprio provvedimento dispone l’avvio al servizio dei volontari, specificando la data di inizio del servizio e le condizioni generali di partecipazione al progetto.

Quando bisogna presentare la domanda?

Dal momento che esce il Bando si ha generalmente un mese per scegliere il progetto e presentare la domanda. Si consiglia di contattare personalmente l’Ente presso il quale si intende svolgere il Servizio Civile per verificare l’effettiva possibilità di essere selezionati, in quanto si può scegliere solo un Progetto e se non si viene selezionati si perde l’opportunità di svolgere il Servizio Civile  per quell’anno, dato che, purtroppo, il sistema non prevede il ripescaggio dei volontari che non sono stati scelti per altri Progetti che invece non hanno trovato il numero di volontari necessari. Quindi, prima di fare domanda è importante contattare l’Ente promotore per verificare le effettive possibilità di essere selezionati.

AREA ENTI VOLONTARI-SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO:
http://www.serviziocivile.gov.it/
In quest’area è possibile scaricare, dalla sezione modulistica, i moduli di domanda e consultare i bandi nella presentazione dei progetti.

ASSOCIAZIONI PER IL SERVIZIO CIVILE
www.infoserviziocivile.it

ARCI SERVIZIO CIVILE
www.arciserviziocivile.it è un’associazione senza fini di lucro che opera sul territorio nazionale e favorisce la creazione di una rete internazionale delle esperienze di servizio civile.

Le ACLI www.acliserviziocivile.org si sono attivate con progetti per il servizio civile nazionale in Italia e all’estero, per consolidare la propria vocazione di Associazione di cittadini che fa della promozione e difesa dei diritti lo scopo principale del proprio essere. Tutte le domande devono essere firmate necessariamente in calce da ogni volontario, non saranno accettate domande in fotocopia, via fax o via e-mail. Non è possibile presentare domanda per più di un progetto.
Tutte le domande corredate dai documenti sopra citati e dai titoli culturali in copia prodotti dai candidati dovranno essere spediti presso l’ufficio nazionale del servizio civile ACLI, presso la Sede Nazionale delle ACLI via Marcora 18 – 00153 Roma  e-mail: serviziocivile@acli.it alla cortese attenzione di Enrico Lupatini tel. 06 5840645

INFORMAZIONI a TRIESTE:

ARCI TRIESTE
Via Fabio Severo 31 – Trieste
tel. 040 761683
e-mail: trieste@ascmail.it

ACLI TRIESTE
Via San Francesco 4/1 – Trieste
tel. 040 370408
e-mail: trieste@acli.it